Referenze
Criodisinfestazione Criopest
Registrazione A.N.I.D. Sistri,tracciabilità dei rifiuti
Consip Acquisti in rete
Frog Service Social Network
Seguici su Google Plus
Sara De Benedetto
Sara De Benedetto
09:25 18 Dec 16
la ringrazio per i consigli che mi dai tutti i giorni
Fabio Vitillo
Fabio Vitillo
16:47 10 Aug 16
Bravissimo!!!
Fabio HomeVideo
Fabio HomeVideo
11:12 12 Jul 16
Arturo Verdicchio
Arturo Verdicchio
17:10 09 Jul 16
See All Reviews

Archivio di maggio 2010

Vespa cartonaia

Vespa cartonaia mentre si nutre della melata, secrezione zuccherina prodotta dagli afidi.

Zanzare e Pappataci

Disinfestazione Zanzare, Zanzare Tigre e Pappataci o flebotomi, insetti che non solo provocano fastidiose punture pruriginose, ma sono anche portatrici di varie malattie, di cui la Chikun­gunya, un virus che sta diffondendosi nel nostro paese tramite la zanzare tigre. E’ importante procedere con la dezanzarizzazione intervenendo quando la zanzara è ancora allo stadio larvale con soluzioni larvicide che inibiscono la loro crescita e di conseguenza la trasformazione in insetto adulto. Le soluzioni larvicide consentono una disinfestazione ecologica e ecocompatibile

La lotta migliore è quella che si effettuta durante lo stadio larvale dell’insetto con prodotti larvicidi che avendo un basso impatto ambientale risultano i più ecocompatibili

    

Zanzara Tigre previsioni di infestazione

L’esperto: dopo le piogge l’attacco delle zanzare tigre. Ma non sono il solo nemico…

Assalto di zanzare tigre in arrivo entro pochi giorni. Le piogge di queste settimane sono state il clima ideale per la loro riproduzione, che in condizioni normali porta ciascun insetto a farne nascere altri mille nell’arco di un mese. E quindi quest’estate batterà ogni record quanto a sciami dei minuscoli killer volanti, che poi ci tormenteranno per mesi fino all’autunno inoltrato. Portando con sé il rischio di nuove malattie, di cui alcune mortali come la febbre Dengue.

Ma ad affliggerci ci sarà anche un ritorno delle pulci provenienti dai Paesi caldi, un tempo debellate in Italia, che di recente negli Stati Uniti hanno veicolato gravi malattie tra cui la peste bubbonica. In crescita anche le zecche, degli acari come i ragni, pronti a trasmettere la malattia di Lyme che lascia paralizzate le persone contagiate. Abbiamo chiesto al professor Vincenzo Girolami, entomologo dell’Università degli studi di Padova, di illustrarci come si stanno diffondendo questi insetti e quali rischi corrono le persone che ne sono punte. 

Professor Girolami, rispetto alla media stagionale quest’estate le zanzare tigre aumenteranno o diminuiranno?

Se continuerà a piovere l’incremento raggiungerà i livelli massimi che sono stati toccati due anni fa. L’ambiente umido è infatti l’ideale per questi insetti, che depongono le larve in bambù spezzati, sottovasi, pozzanghere e tombini. A differenza delle zanzare notturne, caratteristiche del nostro Paese, che preferiscono gli specchi d’acqua più grandi. La prima generazione si è già fatta sentire e sta iniziando a moltiplicarsi. Di solito ognuna fa nascere ogni volta tra 30 e 35 altri insetti, che poi impiegano tra dieci e quindici giorni per raggiungere l’età adulta. Entro metà giugno avremo quindi la terza generazione, con le zanzare tigre moltiplicate per mille. 

Fonte: il sussidiario.net