Referenze
Criodisinfestazione Criopest
Registrazione A.N.I.D. Sistri,tracciabilità dei rifiuti
Consip Acquisti in rete
Frog Service Social Network
Seguici su Google Plus
Sara De Benedetto
Sara De Benedetto
09:25 18 Dec 16
la ringrazio per i consigli che mi dai tutti i giorni
Fabio Vitillo
Fabio Vitillo
16:47 10 Aug 16
Bravissimo!!!
Fabio HomeVideo
Fabio HomeVideo
11:12 12 Jul 16
Arturo Verdicchio
Arturo Verdicchio
17:10 09 Jul 16
See All Reviews

Formiche

Le formiche sono utilissime per l’ambiente in quanto sono delle vere e proprie spazzine (operatrici ecologiche). Con la loro continua ricerca di cibo eliminano i resti di molti insetti e animaletti morti. Per contro sono dannose all’uomo e alle piante, favoriscono la diffusione di insetti dannosi come gli Afidi. Li allevano e li “mungono”, nutrendosi poi della soluzione zuccherina (melata) che secernono, (come facciamo noi umani con il nostro bestiame), proteggendoli da tutti gli insetti e larve che si cibano di loro (video).  La formice della specie Messor, dette “formiche mietitrici“, rubano dai campi ingenti quantità di granocereali, altre specie di formiche danneggiano le gemme e le foglie delle piante. In Italia la specie più fastidiosa e invadente è la formica argentina che dall’America meridionale si è diffusa prima nell’America del Nord poi nell’Europa.

La Formica delle zolle (Tetramorium caespitum) è la formica più comune nel nostro paese. Si trova ovunque, per le strade, nei giardini, nelle nostre case. le formiche delle zolle vivono preferibilmente al caldo e si nutrono di tutto nonostante siano golose di cibi dolci. Il loro singolare nome lo prendono dalla particolarità che ogni pietra o appunto ogni zolla può nascondere un loro  formicaio. le loro esigenze non sono eccessive, si accontentano di pochissimo spazio per costruire il loro nido, anche una piccola fessura in un muro, che però nasconde un formicaio di qualche centinaio o anche migliaia di individui. Le dimensioni variano da 2,3 a 3,5 mm.

La Formica mietitrice (Genere Messor), accumula i semi che raccoglie nei campi depositandoli all’interno del formicaio, situato nel terreno, in camere asciutte. Successivamante, utilizzando la saliva e le mandibole, riduce le sementi  in una  sorta di pappa che serve per il nutrimento delle larve e della comunità. Le  formiche mietitrici soldato sono caratterizzate da un capo di notevoli dimensioni e hanno la forma di una ciliegia, mentre le operaie hanno la testa piccola ed ovale. Le mandibole di conformazione tozza, sono ricurve ed unite alla sommità dell’apparato boccale rendendole adatte alla frantumazione dei semi.

N.B. Scheda in fase di completamento