Referenze
Criodisinfestazione Criopest
Registrazione A.N.I.D. Sistri,tracciabilità dei rifiuti
Consip Acquisti in rete
Frog Service Social Network
Seguici su Google Plus
Sara De Benedetto
Sara De Benedetto
09:25 18 Dec 16
la ringrazio per i consigli che mi dai tutti i giorni
Fabio Vitillo
Fabio Vitillo
16:47 10 Aug 16
Bravissimo!!!
Fabio HomeVideo
Fabio HomeVideo
11:12 12 Jul 16
Arturo Verdicchio
Arturo Verdicchio
17:10 09 Jul 16
See All Reviews

Disinfestazione Paysandisia archon

Le palme, in particolare la Trachycarpus fortunei comunemente conosciuta come Palma cinese e la Chamaerops humilis, vengono attaccate da una falena la Paysandisia archon, è un lepidottero di grandi dimensioni, da 9 a 11 centimetri di apertura alare. Le ali anteriori sono di colore marrone olivastro con sfumature longitudinali più scure, mentre le ali posteriori hanno colori più accesi, sono rosse con macchie bianche e nere. Le larve della Paysandisia appena nate sono  lunghe un centimetro circa ma crescono velocemente arrivando a misurare anche otto centimetri prima di impuparsi, nascono in giugno e si cibano delle foglie e dei tessuti teneri ricchi di amido e fibre della palma cinese distruggendo i germogli, fino alla primavera successiva. Nello stadio larvale terminale la larva risale verso la superficie dello stipide formando il bozzolo che la porterà alla trasformazione in crisalide e successivamente allo stadio adulto che avviene  da giugno a settembre, ma se la stagione è favorevole arriva anche a novembre. La palma colpita delle larve presenta dalle rosure e fori circolari nella zona vegetativa con vistose perforazioni a ventaglio sulla zona mediana della foglia . L’attività di rosura di numerose larve di Paysandisia porta all’indebolimento e alla morte della pianta. L’infestazione della Paysandisia archon si può manifestare anche sulle palme del genere Phoenix e spesso viene confusa con quella del punteruolo rosso.

Per eliminare l’infestazione della Paysandisia si interviene con le stesse metodologie adottate per la lotta al punteruolo rosso, utilizzando l’ endoterapia con risultati efficaci e risolutivi.