Referenze
Criodisinfestazione Criopest
Registrazione A.N.I.D. Sistri,tracciabilità dei rifiuti
Consip Acquisti in rete
Frog Service Social Network
Seguici su Google Plus
Sara De Benedetto
Sara De Benedetto
09:25 18 Dec 16
la ringrazio per i consigli che mi dai tutti i giorni
Fabio Vitillo
Fabio Vitillo
16:47 10 Aug 16
Bravissimo!!!
Fabio HomeVideo
Fabio HomeVideo
11:12 12 Jul 16
Arturo Verdicchio
Arturo Verdicchio
17:10 09 Jul 16
See All Reviews

Convegno “Zanzare – Disinfestazione – Informazione”

Prof. Claude Reiss

Direttore di Ricerca del CNRS di Parigi (per 40 anni)

Direttore del laboratorio di Biologia Molecolare (per 30 anni)

Presidente dell’Associazione “Antidote – Europe” per le conseguenze dei prodotti tossici sulla salute (Francia).

Dal Convegno “Zanzare – Disinfestazione – Informazione”,CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche, 16/05/05

Disinfestazione delle zanzare attraverso l’uso di pesticidi

I pesticidi sono stati concepiti per uccidere piante, insetti, funghi etc. Dovrebbero produrre dei benefici,aumentando i rendimenti, preservando i raccolti e le sementi, eliminando i parassiti dai campi, dai giardini,dalle case. Tuttavia, l’uso e l’abuso dei pesticidi presenta due problemi:

· uno riguarda il nostro ambiente e la biodiversità,

· l’altro la nostra salute.

L’eliminazione massiccia di specie d’insetti nelle loro rispettive nicchie ecologiche comporta una serie di problemi che sfuggono completamente al nostro controllo: vengono eliminate specie utili che si trovano nelle vicinanze (impollinatori, api per esempio) o specie toccate indirettamente uccelli, per esempio), perché si nutrono degli insetti eliminati. La liberazione della nicchia ecologica è rapidamente seguita dall’invasione di un’altra specie con attività ancora poco o per nulla conosciute, fino ad arrivare a sconvolgimenti a cascata della biodiversità con conseguenze per noi imprevedibili, tanto tutto ciò è complesso e potenzialmente dannoso per l’uomo. C’è poi il rischio che i pesticidi rappresentano per la nostra salute. In un primo tempo ci è stato assicurato che non sono pericolosi l’uomo, ma che, anzi, sono a suo favore (caso del DDT e l’eliminazione della malaria nell’Europa mediterranea). In seguito all’evidenza del contrario, sono state stabilite delle norme (dose giornaliera ammissibile, DGA) tese a garantire la nostra sicurezza sanitaria e sono stati ritirati i pesticidi più dannosi (che l’Industria stessa ha chiamato “12 sporchi delinquenti”, tra i quali il DDT ed il Lindano.) Per una serie di ragioni, le DGA non offrono nessuna garanzia per la nostra salute:

· la persistenza di pesticidi nell’organismo può essere calcolata in mesi od anni: le dosi giornaliere siaccumulano e finiscono per creare nell’organismo delle concentrazioni di gran lunga superiori;

· la maggior parte dei pesticidi è solubile nelle sostanze grasse ed oleose e vanno a concentrarsi nei tessuti adiposi in dosi ancora maggiori;

· finiscono per trovarsi in compagnia di altri pesticidi ed altri prodotti chimici, anch’essi reattivi, combinandosi a formare delle sostanze dalla pericolosità sconosciuta;

· infine, la nozione stessa di dose è criticabile. Per esempio, certi insetticidi mimano l’effetto degli ormoni. Ora, sappiamo che una molecola d’ormone, che pesa un millesimo di miliardesimo di miliardesimo di grammo, può indurre una cellula a proliferare. I recenti progressi delle biotecnologie hanno permesso di praticare dei metodi che consentono di determinare, con sicurezza e tutte le necessarie garanzie scientifiche di rigore, gli effetti tossici di una data sostanza sull’uomo. La TOSSICOGENOMICA, specialmente, permette di osservare in una cellula umana, quali sono gli effetti di una sostanza messa in sua presenza, e le sue reazioni per proteggersene, riparare gli eventuali danni ed eliminare la sostanza. La TOSSICOGENOMICA è stata applicata da un laboratorio tedesco, su alcune cellule del fegato e neuronali, per la valutazione della tossicità di 15 insetticidi comunemente utilizzati contro le zanzare. I risultati mostrano che questi insetticidi, messi in presenza di cellule umane in coltura, alterano massivamente molteplici geni che intervengono nella carcinogenesi, la neurotossicità, lo stress metabolico,mimano l’effetto degli ormoni ed interferiscono con i geni implicati in una famiglia di patologie, di cui, Alzheimer , Parkinson , Creuzfeld – Jacob, diabete 2, sclerosi a placche, alcune forme di cancro……Tali risultati non sono affatto ambigui: i 15 insetticidi alterano, senza eccezioni ed a diversi gradi, il comportamento di numerosi geni implicati nelle 6 categorie patologiche nelle 2 linee cellulari testate. Considerando che ciò che è tossico per le sue cellule lo è altrettanto per l’uomo, possiamo concludere che l’impiego di questi insetticidi comporta un rischio sanitario certo, specialmente riguardo al cancro e alle patologie degenerative. In maniera particolare vorremmo attirare l’attenzione sul rischio sanitario che corrono i bambini per quanto concerne lo sviluppo neuronale (autismo) e l’impostazione, nei maschi, dei caratteri sessuali secondari. È, dunque, urgente che gli insetticidi in questione e, probabilmente, molti altri da esaminare con la TOSSICOGENOMICA, vengano ritirati dal nostro ambiente e, in primo luogo, dalle nostre case, dai nostri giardini e dalla nostra alimentazione, in particolare quella destinata ai bambini e alle donne incinte. Un gran numero di questi pesticidi è stato recentemente trovato, infatti, nel cordone ombelicale dei neonati. Per dare un’ultima informazione, stimiamo che 1 milione di persone muoia ogni anno a causa di forme di cancro che sarebbe potuto essere evitato se fosse stata effettuata una sufficiente prevenzione sui prodotti chimici responsabili di aver causato questi tumori. Un rapporto dettagliato su questi studi è reperibile presso ANTIDOTE EUROPE

26 rue de Cernay F91470 Les Molières (Francia) E’ consultabile sul sito www.antidote-europe.org.

Prof. Vittorio Marchi

Fisico e Ricercatore – Università “La Sapienza” Roma

“LA LOTTA ALLE ZANZARE”

Verso un mondo libero dagli eccessi: veleni, infestazioni, insetticidi contaminanti, sostanze chimiche e tossiche Dal Convegno “Zanzare – Disinfestazione – Informazione”,

CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche, 16/05/05

“Non dobbiamo cadere nel dualismo io e la natura, io e l’ambiente: noi siamo l’ambiente, nel vero senso della parola.” Negli ultimi 50 anni l’ uomo ha immesso nell’ ambiente 80.000 nuove sostanze chimiche, in gran parte tossiche, con una produzione che oggi si aggira sui 400.000 milioni di tonnellate l’ anno. E ne è interessata, per interconnessione indivisa, ogni area del pianeta. Tempo fa il WWF ha effettuato un bio-monitoraggio su 18 volontari ( 6 donne e 12 uomini ) scelti a caso nel mondo della politica (tra cui parlamentari e ministri dell’Ambiente europei) e dello spettacolo (tra cui alcuni giornalisti). Ed ecco i risultati resi noti nel corso del convegno: “Sostanze chimiche e tossiche”, organizzato dal WWF presso l’ Istituto Superiore di Sanità:

· tutti i soggetti sottoposti al test per scovare nel sangue sostanze tossiche di origine chimica sono risultati contaminati da metalli pesanti (piombo mercurio, cadmio);

· nel 94,4% dei casi testati sono stati trovati PCB ( Policlorobifenili, classificati da IARC (International Agency for Research on Cancer) come “ probabili cancerogeni per l’uomo” );

· nel 91,6% c’ erano tracce di pesticidi clorurati (responsabili dell’ alterazione della fertilità e dell’induzione di malformazioni );

· nel 72,2% sono stati scovati idrocarburi policiclici aromatici (cancerogeni e mutageni);

· nel 66,2% si sono trovate diossine (riconosciute come cancerogeno umano da IARC nel 1997 e noto interferente endocrino).

In pratica nei soggetti sottoposti ad analisi sono stati individuati ben 65 contaminanti di provata tossicità, perun ammontare del 59% dei 111 inquinanti ricercati. Questi gli allarmanti risultati del campione umano testato: in media ogni volontario presentava nel sangue un contenuto di 47 contaminanti, mentre il soggetto più “colpito” ne possedeva 59. Desta stupore come un “vecchio contaminante” quale il PCB, che insieme al DDT non vengono più utilizzati da molti anni nelle nostre aree geografiche, siano stati rilevati ancora presenti, sia pure in tracce, nell’organismo umano, mentre al loro posto ne sono stati trovati altri, come il PBDE (Polibromodifenileteri) di cui non si conosceva la presenza nell’ uomo. Naturalmente gli anti-allarmisti osservano ed obiettano che il campione è limitato e che le concentrazioni tossiche ritrovate nei soggetti testati sono modeste e non indicano un danno “immediato” per l’ organismo. Il rilievo tuttavia non esclude che tutti questi contaminanti vengano considerasti potenziali “interferenti endocrini”, tossici per la tiroide e per il sistema immunitario. E che i primi a farne le spese e ad essere esposti ai maggiori rischi siano proprio i bambini. Nel rapporto tra l’ uomo e l’ ambiente acquatico nelle aree costiere, stagnanti o paludose dei bacini interni del territorio della nostra penisola sono tuttora presenti aspetti conflittuali. Uno di questi ci porta al tema della lotta alle zanzare. I recenti casi di interventi larvicidi ed adulticidi appaltati a ditte specializzate nella disinfestazione delle zanzare, tramite l’ uso di pompe a spalla, nebulizzatori, bracci telescopici montati su automobili fuoristrada e persino di aerei che usano il sistema aerosol, sono cause di danni ambientali incalcolabili, provocati principalmente dall’ uso di prodotti insetticidi (“piretroidi”), con inquinamento delle falde, riduzione della biodiversità, perdita di fertilità dei terreni, etc….) con il loro insieme di ricadute sulla salute dell’uomo (aumento del tasso di tumori nella popolazione, aumento delle allergie e intolleranze alimentari, sclerosi a placche, diabete-B, Alzheimer e Parkinson) hanno evidenziato l’insostenibilità delle attuali e convenzionali metodiche nella lotta a questi insetti. Come reazione a questi pericoli si è sviluppato negli utilizzatori un crescente interesse verso quello che è comunemente detto “ il formulato micro-biologico” BTI come soluzione integrativa e/o alternativa al contaminante trattamento chimico, alternativa ritenuta la giusta soluzione a queste problematiche ed allo strapotere delle multinazionali. Ora, poiché per lo spopolamento delle zanzare e per l’ annientamento dei loro focolai gli interventi di settore sono effettuati in maniera indiscriminata con un largo impiego di contaminanti chimici, la domanda è: cos’è il biologico? Chi lo garantisce? Come viene controllato e qual è la serietà di tali controlli? Abbiamo ritenuto indispensabile valutare la lotta biologica ( organic in inglese o ecòlogica in spagnolo ) alle zanzare in una ottica critica cercando di individuare il raggiungimento dei risultati per mezzo di una produzione che permette di ottenere i prodotti senza l’ utilizzo, in nessuna fase di produzione, di sostanze chimiche di sintesi. evidenziando i limiti e le potenzialità di questo ultimo settore.

Lotta biologica zanzare: Cos’è il “biologico”?

Si sviluppa attraverso un più corretto rapporto fra territorio e ambiente, nel rispetto della naturalità e della intangibilità di ogni ecosistema. Utilizza nel miglior modo possibile le catene biologiche della natura e valorizza al massimo le risorse territoriali, ambientali e naturali. Presta più attenzione ai possibili effetti negativi sulla salute dell’uomo e sull’ambiente. A differenza di quanto si possa credere, le pratiche alternative applicate non rappresentano un ritorno al passato, quando non esistevano sostanze chimiche di sintesi, ma un salto nel futuro. In questi ultimi anni infatti l’agroecologia ha messo a punto sistemi scientifici naturali di difesa dalle zanzare, ricorrendo, tra l’altro, al metodo larvicida naturale chiamato “Gambusia affinis”, un pesciolino che è stato introdotto in Italia negli anni 20, per sconfiggere l’ Anofele. Gli effetti si sono visti. Per combattere i parassiti e questi insetti fastidiosi, molto bene ha funzionato la lotta biologica. Ricordando che una soluzione integrativa è stata individuata anche inserendo i bacilli utili, tipo il Bacillus Thurigensis Israelensis, micro-organismi che determinano la morte delle larve di zanzara, o al limite le trappole ai ferormoni che attirano i maschi della specie o altre trappole ad emissione di CO2, emanata dal ghiaccio secco, che attirano le zanzare femmine adulte. Queste soluzioni, basate su nuove tecniche di monitoraggio, hanno dato ottimi risultati e la loro efficacia è stata misurata sulla base della raccolta di una notevole minore quantità di zanzare che si registra nei giorni successivi al trattamento.

Dott. Lauro Marchetti

Sovrintendente dei Giardini di Ninfa (Latina)

Disinfestazione zanzare “LA SCIENZA DELLA NATURA”

Dal Convegno “Zanzare – Disinfestazione – Informazione”,

CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche, 16/05/05

Una delle risoluzioni dell’UNESCO cita:

“Un Paese o una città si giudica da come sa gestire il proprio ambiente naturale”

I fatti riportati si riferiscono a diverse esperienze svolte nell’area pontina, notoriamente conosciuta come fra quelle maggiormente interessate da copiose presenze di zanzare e, soprattutto, per il suo recente passato di area a forte impatto malarico. La malaria è stata debellata, come è ben noto, con l’utilizzo di massicce immissioni di DDT, i cui residui, dopo settanta anni, sono ancora presenti. La particolare morfologia e l’assetto idrico della pianura pontina rimangono, però, molto favorevoli alla proliferazione dell’insetto la cui presenza, anche se non più portatrice di malaria, è ancora ben evidente. Insieme alle associazioni ambientaliste, a metà degli anni ’70, con molta fatica, riuscimmo ad impedire che l’area dove esiste l’Oasi di Ninfa, fosse irrorata di insetticidi da parte delle amministrazioni pubbliche. Pratica molto comune nel resto del territorio. Ma il problema rimaneva. Decisi allora di avviare, nel 1974, un esperimento limitato all’area intorno alla mia abitazione, proprio ai bordi del perimetro dell’Oasi. Ero a conoscenza che un pesce, piccolo e poco conosciuto in zona, la Gambusia Affinis, era particolarmente aggressivo nei confronti dell’insetto e delle sue larve. Bisognava, però, attrarre il più possibile le zanzare dove il pesciolino era stato introdotto. Cosa fare? Manualmente realizzai uno stagno di dieci metri per cinque e per limitare al massimo i costi lo impermeabilizzai con un telo di plastica (quello usato nelle serre). Ricoprii il fondo con dieci cm di terra e piantai subito alcune specie di erbe ossigenanti oltre ad alcune ninfee. Costo dell’operazione 30 euro . All’inizio l’acqua era torbida e lo stagno aveva un aspetto assai deprimente. Dopo alcune settimane l’acqua tornò ad essere limpida e dopo due mesi lo stagno aveva l’aspetto di un giardino acquatico attraente. Subito dopo furono immesse alcune coppie di Gambusie. Fu notato immediatamente un aumento di zanzare che trovavano nello stagno il luogo ideale per riprodursi. Oltre a quelle abituali, ne vennero molte altre (migliaia) dalle vicinanze.  Ma la trappola era pronta. I pesciolini iniziarono così a mangiare freneticamente le larve degli insetti, tant’è che le zanzare in poche settimane iniziarono a calare di numero in quanto i nuovi nati, predati continuamente, non compensavano la mortalità naturale degli adulti. Il risultato fu un successo insperato, arrivando ad una riduzione dell’80% se non più della presenza delle zanzare, ormai a limiti del tutto tollerabili, tanto da consentire agli abitanti del quartiere di dormire con le finestre aperte

Dopo circa trent’anni, a ridosso del Giardino di Ninfa, è stato creato un nuovo parco di 100 ettari, di prossima apertura pubblica, di cui 20 sono stati allagati per ricreare una porzione delle famose paludi pontine. Tale iniziativa ha generato uno scontro senza precedenti tra la  Fondazione Caetani, che ha realizzato le paludi, e la popolazione locale, che, unitasi in apposito comitato di opposizione, ha avviato una gigantesca campagna di stampa e cause legali contro di noi. Il motivo dello scontro era appunto il pericolo di far invadere il territorio di zanzare, fino al punto di accusarci di ricreare le condizioni (!) per il proliferare della malaria. Da parte nostra, fatte le paludi, abbiamo immediatamente immesso migliaia di Gambusie sulla scorta dell’esperienza sopra citata. Senza prolungarmi troppo, il risultato è presto detto. Non solo gli abitanti hanno dovuto ammettere che le zanzare non sono aumentate, se non diminuite, ma con grande sorpresa anche nostra, passeggiando di sera, tra le paludi, vediamo “ogni tanto” una zanzara!!!

Come scrive il noto entomologo medico, prof. Enrico Stella, docente di Parassitologia all’Università “La Sapienza” di Roma, da noi interpellato per un parere scientifico:

“Vorrei ricordare che un ambiente paludoso tipico delle acque stagnanti è di gran lunga più sano e sicuro di tante zone periferiche delle nostre città, dove il degrado ambientale favorisce il pullulare di insetti molesti e nocivi. La costituzione di focolai larvali ad elevata densità di zanzara comune e di zanzara tigre risulta agevolata dallo scorretto smaltimento di acque piovane e luride, dall’inquinamento organico, dalla stagnazione nei sottovasi, barattoli di bibite, copertoni d’auto e pozzanghere nel suolo dissestato.” Per poter garantire un efficace controllo delle zanzare da parte della Gambusia è necessario che nello stagno, o stagnetto che sia, non ci siano altri pesci e fare in modo che nell’area che si vuole bonificare per via naturale non ci siano altre possibilità di riproduzione delle zanzare come ricordato nella frase precedente. Chi volesse creare una “trappola-stagno” non abbia timore di avere poi acqua torbida o maleodorante e fastidiosa. Le erbe ossigenanti e le altre piante manterranno l’acqua pulita, sana e senza bisogno che sia corrente, ma sarà necessario aggiungere di tanto in tanto soltanto quella che evapora naturalmente.

Dott. Anacleto Busà

Chimico e Ricercatore (Roma)

Coordinatore delle Segreteria Nazionale dell’Associazione “Ambiente e/è Vita”.

Membro del Ministero dell’Ambiente per la stesura dei testi unici ambientali.

Consulente della Commissione Parlamentare sul ciclo dei rifiuti.

LOTTA alla ZANZARA TIGRE

Dal Convegno “Zanzare – Disinfestazione – Informazione”,

CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche, 16/05/05

A margine dell’interessante Convegno tenutosi in data 16 – 5 – 2005 al CNR di Roma, il coordinatore della segreteria nazionale dell’Associazione Ambiente e/è Vita Dr Anacleto Busà , presente con una sua relazione, coglie l’occasione per ribadire il punto di vista associativo: occorre che le Istituzioni nazionali e le amministrazioni locali riflettano e agiscano di conseguenza su un dato: la lotta chimica agli insetti indesiderati (come la zanzara tigre) e l’utilizzo di sostanze chimiche in agricoltura in quantità sempre più massicce e spesso applicate ai suoli in maniera indiscriminata non disdegnando di ricorrere al mercato nero assolutamente fuori da ogni controllo, stanno gravemente danneggiando il nostro pianeta con effetti imprevedibili sulla salute delle presenti e delle future generazioni. Non è questo un buon esempio di sostenibilità ambientale e va contrastato con ogni mezzo. Sono ormai consolidati e utilizzabili sistemi di lotta biologica assai efficaci, meno invasivi e atossici per l’uomo e l’ambiente. Nella lotta alla zanzara tigre poco spazio deve essere lasciato ai privati che utilizzano, spesso in maniera indiscriminata, ogni sorta di sostanze chimiche fuori da ogni controllo. Ogni Comune da parte sua, deve censire tutte le aree a rischio per la salute dei cittadini e programmare interventi mirati annuali di lotta biologica.

Dott. Fulco Pratesi

Presidente WWF ITALIA (Roma)

Dal Convegno “Zanzare – Disinfestazione – Informazione”,

CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche, 16/05/05

Che ci si debba impegnare contro l’invasione della zanzara tigre nessuno può negarlo. E’ però necessario utilizzare metodi che possano essere più efficaci e meno dannosi per gli ecosistemi. La profilassi attuata contro gli insetti allo stadio larvale può essere effettuata, meglio che con insetticidi, attraverso l’eliminazione dei depositi di acqua stagnante, l’inserzione, nei sottovasi, di sostanze repellenti come frammenti di rame e infine utilizzando l’azione insettivora di rane, tritoni, girini, pesci, come ad esempio le Gambusie. L’irrorazione di insetticidi all’aperto contro gli individui adulti, oltre a costituire un problema per la salute umana e di molti animali insettivori, provoca l’eliminazione di ogni forma di invertebrato, riducendo fortemente le possibilità di alimentazione per uccelli, pipistrelli, lucertole, eccetera.

Prof. Carlo Consiglio

Entomologo e Zoologo

Già Ordinario di Entomologia e Zoologia – Università “La Sapienza” Roma

Dal Convegno “Zanzare – Disinfestazione – Informazione”,

CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche, 16/05/05

È assurdo fare la lotta alle zanzare adulte. Si spargono insetticidi nell’ambiente, uccidendo farfalle, libellule, api, ed anche qualche zanzara. Inoltre si avvelena tutto l’ecosistema, perché i prodotti persistenti passano da una specie all’altra. E questo quando esiste la possibilità di fare una lotta mirata, basata sulle conoscenze etologiche delle specie bersaglio. Ricordo una conferenza del grande ecologo americano Barry Commoner. Disse che, per ammazzare una mosca, si può sparare con il cannone. La mosca muore, ma la casa crolla.

Dott.ssa Fabrizia Pratesi de Ferrariis

Coordinatrice Comitato Scientifico EQUIVITA (Roma)

Dal Convegno “Zanzare – Disinfestazione – Informazione”,

CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche, 16/05/05

Quali che siano i metodi biologici che verranno scelti per controllare le zanzare, va ricordato che, per noi, assai più della convivenza con le zanzare, sono dannose altre due convivenze, che hanno determinato il nostro modo – errato – di affrontare tali insetti:

1) La convivenza con una visione della scienza e delle sue applicazioni che vede nella materia vivente una somma di rapporti lineari causa-effetto, e non vede la complessità delle relazioni dentro agli ecosistemi, né i delicatissimi equilibri raggiunti attraverso i millenni con la selezione naturale. I danni provocati all’ambiente ed alla salute umana dalle lotte chimiche agli insetti non sono che un esempio di questa visione “riduzionista” (o meccanicista), alla quale dobbiamo anche l’uso della sperimentazione animale nella ricerca medica.  L’unica arma di cui potremo disporre per controllare e regolamentare l’immissione di sostanze chimiche nell’ambiente, la direttiva europea REACH, oggi in discussione, rischia di essere del tutto vanificata  dall’intento in essa espresso di valutare la tossicità delle sostanze attraverso il modello animale. Le risposte fornite dall’animale da laboratorio non hanno infatti alcuna validità scientifica o predittività per l’uomo.

2) La convivenza con una politica internazionale che, attraverso il WTO, delega il ruolo di comando ai poteri economici, in modo tale che la difesa della salute e dell’ambiente siano quasi sempre secondarie agli interessi privati delle industrie chimico-farmaceutiche.

Prof. Bruno Fedi

Cancerologo – Urologo

Primario Emerito anatomopatologo – Docente universitario

Dal Convegno “Zanzare – Disinfestazione – Informazione”,

CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche, 16/05/05

“Le molecole chimiche già presenti nel nostro ambiente di vita hanno effetti in gran parte ignoti, tanto che siste un progetto Reach che dovrà appurarli. La prestigiosa rivista Nature ha dichiarato non predittivi e cioè inadeguati i metodi di ricerca che sono stati scelti,. Dunque l’effetto di tali molecole non si sa e non si saprà. Sappiamo però che l’effetto di moltissime sostanze mutagene già presenti nell’ambiente, non si somma, bensì si moltiplica. Dunque è chiaro che è sconsigliabile un aumento di tali sostanze, specialmente se effettuato per eliminare zanzare che possono essere combattute con altri metodi innocui, già esistenti.”

2 Commenti a “Dal Convegno “Zanzare – Disinfestazione – Informazione””

  • rosalba berti says:

    grazie per tutte queste notizie.Devo ricominciare la mia battaglia contro i condomini che vogliono ripristinare la pessima abitudine della disinfestazione.

  • Marco Leva says:

    Cara Sig.ra Rosalba, la ringrazio per aver condiviso l’opinione a riguardo della lotta alla zanzara tigre e agli altri insetti che ci recano fastidio.Il problema è che chi, come me, svolge questo delicato lavoro non si preoccupa di adottare misure preventive ma preferisce l’utilizzo di insetticidi.La disinfestazione con insetticidi và eseguita, dato che le zanzare sono portatrici di innumerevoli malattie, ma con coscienza e adottando misure preventive a monte. Quindi faccia rivolgere l’amministratore a ditte serie che sicuramente possono trovare la soluzione più adeguata.Io svolgo questo lavoro con passione e professionalità, come avrà certamente costatato visionando il mio sito, le sembrerà strano ma sono un’ecologista e posso quindi affermare che si può trovare il metodo che salva noi dalle zanzare, in maniera mirata e accurata limitando l’eliminazione degli insetti utili. Per realizzare questo , necessita la collaborazione di tutti che se seguissero le regole base della prevenzione ridurrebbero gli ambienti adatti alla riproduzione delle zanzare. Ogni anno, all’inizio della stagione estiva, i mezzi informativi ci danno consigli su come comportarci ma quanti li seguono?

Lascia un Commento

*